32016Nov
Colpocistodefecografia

Colpocistodefecografia

DEFINIZIONE

La colpocistodefecografia è un’indagine radiologica dinamica che simula l’atto della defecazione, consentendo di documentare i rapporti fra i vari organi del pavimento pelvico obiettivandone i disordini morfo-funzionali tramite una valutazione statica (a riposo, in massima contrazione volontaria dei muscoli pelvici, in ponzamento) e dinamica (durante l’evacuazione); è l’indagine di scelta nella diagnostica di problematiche retto-anali legate ad un’alterazione della dinamica pelvi-perineale.
Questa metodica è indicata per:
• Stipsi cronica / ODS (sindrome da ostruita defecazione)
• Prolasso rettale, genitale e vescicale
• Incontinenza fecale ed urinaria

La colpocistodefecografia trova indicazione nello studio di tutte le patologie che coinvolgono più organi del pavimento pelvico come rettocele anteriore, prolasso mucoso del retto, prolasso rettale interno, prolasso rettale completo esterno, sindrome del perineo discendente, sindrome del pubo- rettale, dissinergia pelvica, enterocele.

L’indagine viene eseguita mediante opacizzazione del retto con pasto baritato di consistenza simile al materiale fecale, verniciatura del canale anale, opacizzazione della vagina e della vescica. Si esegue anche un’opacizzazione delle anse di tenue per valutare la presenza di enterocele e sigmoidocele con mezzo di contrasto bevuto circa un’ora prima dell’esame).

Il paziente viene fatto sedere su apposita sedia di materiale radiotrasparente e, sotto osservazione radioscopica, vengono assunti radiogrammi in posizione latero-laterale a riposo, in massima elevazione del pavimento pelvico, sotto colpi di tosse, sotto sforzo non defecatorio, durante la defecazione e sotto sforzo post-defecatorio. Le varie manovre eseguite dal paziente permettono non solo di visualizzare eventuali anomalie morfologiche ma anche di valutare l’efficacia dei sistemi di continenza e i rapporti dei vari organi pelvici durante la defecazione o sotto sforzo evidenziando possibili alterazioni funzionali responsabili della difficoltà nella defecazione.

Viene inoltre valutata la continenza fecale ed urinaria, il residuo rettale che consiste nella quantità di mezzo di contrasto che ristagna dopo evacuazione.

Con questa metodica è possibile diagnosticare:

• Intussuscezione e prolasso mucoso del retto, rettocele visibile come un bulging che esce dalla linea della parete rettale anteriore che si verifica durante il ponzamento.

• Enterocele si può sospettare quando vi siano aspetti di anse di tenue tra la parete posteriore della vagina e la parete anteriore del retto o un allargamento dello spazio rettovaginale.

• Abbassamento del pavimento pelvico, prolasso vescicale e genitale

• Dissinergia del muscolo pubo-rettale

PREPARAZIONE ALLA COLPOCISTODEFECOGRAFIA

Nei tre giorni antecedenti l’esame :

EVITARE Frutta – Verdura – Latte – Latticini
ASSUMERE Riso in bianco – Carne magra – Prosciutto – Uova – Thé – Acqua a volontà

Il giorno antecedente l’esame:

Ore 8 Colazione leggera
Ore 12 Riso in bianco
Ore 14 Assumere 4 buste di SELG-ESSE 1000 ognuna sciolta in 1 litro di acqua ( in totale 4 litri di soluzione da bere in 2 ore)
Oppure assumere 6 (sei) buste di ISOCOLAN ognuna sciolta in mezzo litro d’acqua ( in totale 3 litri di soluzione da bere in 2 ore).
Oppure assumere MOVIPREP Busta A+Busta B sciolte in un litro d’acqua seguito da un secondo litro di soluzione (Busta A+Busta B)

Dopo l’assunzione della Soluzione non è consentito assumere cibi solidi fino all’esecuzione dell’esame. E’ concesso di bere acqua o the a volontà.

Dr. Claudio Missaglia : https://www.facebook.com/drclaudiomissagliaproctologo