292016Dic
Cervicite

Cervicite

Cervicite
Infiammazione del collo dell’utero. E’ una delle affezioni ginecologiche più frequenti, che generalmente si instaura in presenza di:

  • una lacerazione del collo determinatasi durante il parto
    di un rovesciamento a dito di guanto della mucosa che si trova all’interno del collo ( ectropion )
    oppure di una zona displasica o distrofica della mucosa
  • i patogeni agiscono sempre su una mucosa lesa o anormale.

A volte la superficie esterna del collo non presenta ovunque il suo abituale rivestimento epiteliale, i cui numerosi strati cellulari danno un’efficace protezione contro l’infezione: può accadere, infatti, che in una zona, il rivestimento abituale a più strati cellulari sia sostituito da una mucosa con un solo strato di cellule ghiandolari.Questa aberrazione topografica è chiamata ectopia cervicale e rappresenta, a causa dell’esigua protezione cellulare, una zona di minor resistenza agli agenti infettanti. Caratteristico reperto di una cervicite cronica è la presenza di piccole cisti ( cisti di Naboth ) dovute alla dilatazione delle ghiandole cervicali in seguito all’ostruzione infiammatoria del dotto ghiandolare.

Sintomi
Il sintomo principale ed essenziale è la leucorrea, ovvero la comparsa di secrezioni, gialle o verdastre, che generalmente non provocano irritazione. Talvolta queste secrezioni diventano il substrato fertile per lo sviluppo di una infezione batterica o micotica, in questi casi compaiono sintomi come prurito e bruciori. Spesso la cervicite da segno di se sotto forma di perdite ematiche dopo i rapporti sessuali.La cervicite, se trascurata può diffondersi ad altri settori dell’apparato genitale e produrre dolori per congestione pelvica; inoltre, dato che la secrezione purulenta è poco favorevole agli spermatozoi, può essere causa di sterilità cervicale.L’infiammazione cronica della cervice se trascurata, può favorire lo sviluppo di una displasia anche grave, per questo motivo ogni donna dovrebbe sottoporsi a una visita ginecologica annuale.

Diagnosi
Per porre diagnosi di cervicite è necessario effettuare un esame speculare, un pap test e una coltura dell’essudato vaginale. Nei casi dubbi e quando ci sono pap test anomali si procede con l’esame colposcopico e con la biopsia mirata.

Terapia
Il primo trattamento della cervicite è basato sull’utilizzo di antibiotici specifici, sia per via orale che vaginale. Nei casi resistenti, e/o nelle recidive, si procede con la crioterapia, l’ elettrocoaugulazione o con la laserterapia.

Dr. Giuseppe Renzi : https://www.facebook.com/GinecologoNapoli